Alla scoperta della castagna nell’Albergo Villa Marta

VILLA MARTA - foto e immagini

Guarda tutte le foto

Anche l’enogastronomia ha i suoi corsi e ricorsi storici. Cibi e bevande un tempo ritenuti “poveri” oggi godono di nuova considerazione e fanno bella mostra di sé sulle tavole imbandite nei locali di tendenza e diventano ingrediente indispensabile per la creatività di molti chef di grido. E’ il caso della castagna, di recente riscoperta, apprezzata per la sua versatilità che le consente di accompagnarsi a piatti dolci e salati. L’Albergo Villa Marta, situato vicinissimo a Lucca, è ideale per visitare la Garfagnana, una delle zone dove è maggiormente diffusa l’antichissima coltivazione del castagno da frutto.

In ottobre si svolgono in vari borghi e paesi della zona numerose fiere e sagre che hanno come protagonista la castagna, talvolta abbinata ad altri prodotti di eccellenza della zona, come il cioccolato, il miele, i funghi, il tartufo e il vino. Per onorare questo frutto saporito, il Ristorante Botton d’Oro di Villa Marta inserisce nel menu ad ottobre come antipasto le Crespelle di farina di castagna con ricotta fresca e come dessert il Castagnaccio con salsa di cachi.

I prodotti tipici della Garfagnana sono famosi in tutto il mondo. In questa terra la tradizione ed il rispetto di antiche procedure sono ben presenti anche nel mondo dei più giovani, che hanno ripreso l’attività di antiche coltivazioni, tra cui, oltre la castagna, il famosissimo Farro della Garfagnana IGP e il granturco formenton. Un cenno particolare và agli esperti “fungai” che in vari periodi dell’anno portano sulle tavole dei ristoratori o nelle case, i porcini garfagnini, quanto di meglio si possa aspettare un appassionato degustatore.

Da visitare nella zona è il Museo del Castagno a Colognora, un borgo risalente all’anno Mille (Lucca): qui sono stati riuniti gli oggetti, gli strumenti e gli attrezzi appartenuti alla civiltà contadina del luogo in un luogo amorevolmente ristrutturato in armonia con la cornice medievale del paese intitolato “Museo del Castagno”.

In ottobre sono molte le feste e le sagre dedicate alla castagna: la sagra della Castagna a Buti (Pistoia), una tradizionale sagra gastronomica con piatti a base di castagne e derivati (migliacci, necci con ricotta, castagnaccio, ballotte, caldarroste, marmellata); la Sagra delle Castagne a Marradi (Firenze) qui tutte le domeniche, sono allestiti stand gastronomici con specialità a base di castagne dove gustare i tortelli di marroni, il castagnaccio, la torta di castagne, le marmellate, i marrons glacés e altre specialità. Poi ci sono la rassegna dei dei Funghi, Tartufi e Castagne a Castiglione Garfagnana (Lucca) e la mostra mercato Cioccolato e Marroni a Vergaio (Prato), un appuntamento da non perdere, con i migliori produttori artigianali a livello nazionale, la Festa dei Marroni a Vicchio (Firenze), e la festa del Marrone a Campiglia d’Orcia (Siena): per l’occasione i tre rioni del paese organizzano una rievocazione storica degli antichi mestieri ed usanze in costume medievale. Stand gastronomici con specialità tipiche e piatti a base di castagne

In Garfagnana si è costituita nel marzo 1998 l’Associazione Castanicoltori della Garfagnana con lo scopo di mantenere e preservare le antiche tradizioni della cultura contadina legate all’albero del castagno e dei suoi prodotti. Attualmente l’Associazione ha ottenuto la D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta) dal Ministero delle politiche Agricole e Forestali.

Questo marchio europeo contraddistingue la genuinità e il processo di lavorazione della farina di castagne in Garfagnana. In autunno i preziosi frutti del castagno vengono raccolti a mano, essiccati per quaranta giorni nei metati (strutture in legno e pietra) dove il fuoco viene alimentato esclusivamente con legna di castagno. Dopo un’accurata selezione manuale le castagne secche vengono macinate nei mulini a pietra e trasformate in farina dal morbido e delicato profumo utilizzata per la tradizionale polenta o dolci, come il castagnaccio o i necci.

L’Hotel Villa Marta, distante pochi chilometri da Lucca, è un raffinatissimo country resort a 4 stelle. Ex residenza di caccia, è immerso nella campagna lucchese nel cuore della Toscana dove è possibile assaporare un’atmosfera piacevole e rilassante. L’hotel è situato in posizione strategica, a soli 10 minuti d’auto dal centro storico di Lucca, 20 minuti da Pisa e circa un’ora da Firenze. L’elegante ristorante Botton d’oro offre cucina tradizionale lucchese, fatta di antipasti toscani, di stecche alle fiorentina, ravioli di melanzane.
Prezzo per la camera doppia classic all’Albergo Villa Marta da 110 a 160 euro a notte secondo la stagionalità, inclusa la prima colazione.

Per maggiori informazioni visitare il sito dell’Albergo Villa Marta

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg
Villa marta Villa marta Villa marta Villa marta Villa marta Villa marta Villa marta Villa marta



Articoli correlati

Westhouse Hotel: a New York l’albergo del buon riposo (4 Dicembre 2013)
Viaggiare a dicembre: ecco 7 ottime scuse (3 Dicembre 2013)
SaltaSu Family, l’offerta Alitalia per far volare la famiglia: dettagli e condizioni (26 Novembre 2013)
Terme libere in Italia: 5 luoghi di relax gratis (12 Novembre 2013)
World Monuments Watch: nella lista dei siti in pericolo c’è anche l’Italia (10 Ottobre 2013)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Italia
    Napoli
    Roma
    Genova
    Milano
    Torino
    Salento
    Palermo
  Toscana
    Elba
    Firenze
    Perugia
  Veneto
    Venezia
    Verona

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili