Crisi in Egitto: consigli per chi ci si trova o deve andarci

egitto

La situazione politica attuale in Egitto è drammatica e in continua evoluzione. Il presidente Mubarak promette le dimissioni, ma proprio oggi nuove manifestazioni e nuovi scontri tengono alto l’allarme. Il paese sembra sull’orlo di una guerra civile. Ecco qualche consiglio più preciso per chi si trova in Egitto o per chi ha intenzione di andarci a breve.

Il sito della Farnesina sconsiglia ovviamente qualunque viaggio in Egitto a meno che non sia strettamente necessario. Ci sono stati scontri nelle principale città: Alessandria e Cairo, soprattutto, ma anche Ismailia, Luxor e Suez.

Tra le località turistiche sul Mar Rosso, destinazioni spesso frequentate da molti italiani, pare che a Sharm El Sheik non ci sia pericolo. Alitalia, comunque, non ha chiuso i collegamenti aerei con l’Egitto.

Per avere notizie aggiornate in tempo reale, la rete è forse il mezzo migliore. Ci sono numerosi forum dedicati all’argomento dove utenti di tutto il mondo postano informazioni e notizie che possono rivelarsi molto utili. Uno di questi lo trovate qui.
Per notizie dell’ultimo minuto sono molto utili i blogs di Al Jazeera, BBC, New York Times.

Twitter è una buona fonte di informazione, ma ricordatevi che il governo egiziano ha bloccato l’uso di internet e dei maggiori siti di interesse e divulgazione quali appunto twitter e facebook. Anche le comunicazioni internazionali sono difficoltose.

Per chi si trova in Egitto adesso, il consiglio della Farnesina è quello di evitare spostamenti non strettamente necessari, adeguarsi agli orari di coprifuoco imposti dalle autorità locali, mantenersi informati sulla situazione in corso attraverso media nazionali e internazionali.

Come detto, Alitalia non ha chiuso i collegamenti tra Italia ed Egitto, quindi, se possibile, il Ministero Italiano degli Esteri consiglia il rimpatrio appena possibile.

Infine per chi si trova in Egitto, riesce a leggere queste righe e vuole lasciare il paese via terra, ecco i consigli di Tony Wheeler, il cofondatore di Lonely Planet, per uscire dall’Egitto a piedi.

foto di Mohammad Al-Rehaili

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

App di viaggio: le migliori da scaricare ora (14 Gennaio 2014)
Umeå in Svezia Capitale della Cultura 2014 (13 Gennaio 2014)
Riga in Lettonia, capitale della cultura 2014 (9 Gennaio 2014)
Top destinazioni 2014 secondo Lonely Planet: Brasile al primo posto (8 Gennaio 2014)
Acceso l’albero di Natale al Rockfeller Center di New York: la stagione natalizia nella Grande Mela è ufficialmente iniziata (5 Dicembre 2013)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili