Festa moderna? In piscina con google earth


Gli anglosassoni lo chiamano “google earth pool party”. Che tradotto non significa nulla se non si conosce cos’è google earth, l’applicazione di google che, sfruttando immagini satellitari, costruisce una fedele rappresentazione tridimensionale del mondo. Google earth è ora stato unito a google maps, il servizio di mappatura fornito dal celebre motore di ricerca.

Che c’entra il “pool party”, la festa in piscina, con google earth? Presto detto, google earth permette di vedere dall’alto cose stupefacenti: la catena dell’Himalaya, il Polo Sud, Piazza San Marco a Venezia, la Casa Bianca. Ma permette anche di gettare un’occhiata indiscreta nella vita privata altrui e di scoprire ville, ricche tenute, case di vacanze. Con tutto ciò che queste posseggono come divertimenti (piscine in primis) e che dal basso magari non si riesce a vedere.

Ricapitoliamo: la potremmo chiamare festa in piscina a scrocco. Si va su google, si cerca attraverso google earth la propria città o la città dove si vuole fare la festa, si cercano le piscine, le si sorvegliano per un po’, quando si ha la certezza che sono in quel periodo non frequentate dal proprietario si parte con la celere organizzazione della festa. Sms, mail, birra, si scavalca e il gioco è fatto. In America è la moda dell’estate 2008, a metà tra la burloneria e l’atto di anarchica perequazione sociale. In Italia è pratica meno diffusa, ma sono stati segnalati pool party in Lombardia e in Campania.

Chiaramente si tratta di azioni illegali, di violazione di domicilio. Quindi in più c’è il brivido del rischio della trasgressione. Molti in America usano anche lasciare una sorta di firma al malcapitato che ha subito l’incursione. Un semplice dono, solitamente una birra con un biglietto. Ma esiste anche una “etichetta” della festa in piscina “rubata”: quando si finisce si pulisce tutto. E mai ritornare sul luogo del “delitto”. La piscina si cambia e non si fanno mai due pool party nello stesso luogo. Anche perché se il proprietario non è proprio un pollo in qualche maniera si attrezza per evitare incursioni future…

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

App di viaggio: le migliori da scaricare ora (14 Gennaio 2014)
Umeå in Svezia Capitale della Cultura 2014 (13 Gennaio 2014)
Riga in Lettonia, capitale della cultura 2014 (9 Gennaio 2014)
Top destinazioni 2014 secondo Lonely Planet: Brasile al primo posto (8 Gennaio 2014)
Acceso l’albero di Natale al Rockfeller Center di New York: la stagione natalizia nella Grande Mela è ufficialmente iniziata (5 Dicembre 2013)

WordPress database error: [Table './tecnocino/vg_comments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed]
SELECT COUNT(*) FROM vg_comments WHERE comment_post_ID = '2019' AND comment_approved = '1'

WordPress database error: [Table './tecnocino/vg_comments' is marked as crashed and last (automatic?) repair failed]
SELECT * FROM vg_comments WHERE comment_post_ID = '2019' AND comment_approved = '1' ORDER BY comment_date ASC LIMIT 0, 50


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili