Festival Vegetariano a Phuket: dal 15 al 23 ottobre

VEGETARIAN PHUKET FESTIVAL - foto e immagini

Guarda tutte le foto

Phuket, splendida isola Thailandese chiamata anche la perla delle Andamane è un piccolo paradiso nell’Oceano Indiano, destinazione molto amata e frequentata. In questo periodo dell’anno, dal 15 al 23 ottobre, si svolge un curioso festival, il Vegetarian Phuket Festival, che riporta l’isola alle sue radici più antiche trascinando il visitatore che vi si trovi in un viaggio tra divinità potentissime e tradizioni millenarie.

Il festival vegetariano di Phuket è una festività di origine cinese ed è nata come una sorta ex voto. Si narra, infatti, che una brutta epidemia di febbre avesse colpito la popolazione e un gruppo di teatranti cinesi in viaggio da quelle parti, ritenendo che la febbre fosse causata dal non aver adeguatamente onorato una divinità, adottò una dieta esclusivamente vegetariana, sconfiggendo così la malattia in poche settimane. Da allora la festa viene ripetuta il nono mese lunare del calendario cinese, corrispondente al nostro fine settembre primi di ottobre.

Il festival prosegue per almeno nove giorni durante i quali si devono osservare rigide norme di comportamento. Le regole, dieci in tutto, devono essere rispettate anche dai turisti che prendono parte alla manifestazione e vanno dall’astensione dal consumo di carne, bevande alcoliche, droghe e sesso, all’osservazione di norme igieniche scrupolose che includono anche il non condividere posate con chi non partecipa alla festa. Infine, per tutta la durata della manifestazione, i partecipanti dovrebbero osservare un comportamento retto, evitando un linguaggio osceno o atteggiamenti scortesi con il prossimo.

Durante tutto il periodo del festival si può assistere a diverse cerimonie. Il primo giorno in ogni tempio vengono erette delle aste per invitare le divinità a scendere sulla terra, mentre a mezzanotte vengono accese nove lanterne per celebrare l’inizio delle festività. Poiché è una festa introdotta dai cinesi, si tratta di rituali legati alla religione taoista.

Per tutti i nove giorni accanto alle cerimonie nei santuari, è possibile assistere a processioni e camminate di forte intensità emotiva. Gli eletti o prescelti dagli dei, selezionati per le loro qualità morali, appaiono come posseduti dalle divinità e sono in grado di infliggersi auto torture veramente impressionanti. E’ qualcosa di molto simile al movimento dei flagellanti nel sud Italia. I partecipanti si trafiggono con spade e coltelli per allontanare il male dalla comunità.

Tra le processioni più forti da vedere c’è la camminata sui carboni ardenti, l’immersione nell’olio bollente e la scala fatta di lame. Ma il rito più caratteristico resta quello dei flagellanti taoisti che, vestiti con i tradizionali costumi sgargianti, si trafiggono il corpo, soprattutto guance e capezzoli, con ogni sorta di oggetto. Gli eletti, in quanto posseduti dalle divinità, non sentirebbero dolore alcuno ne mostrano nessun segno o cicatrice.

Per tutta la durata del festival, specialmente quando si svolgono le cerimonie, il suono dei tamburi e il rimbombo dei fuochi d’artificio è costante e serve per allontanare gli spiriti maligni. La conclusione della festa avviene con solenni cerimonie in tutti i santuari accompagnate dai fuochi d’artificio più forti, proprio per salutare le divinità e dar loro appuntamento all’anno successivo.

Il Vegetarian Phuket Festival è una manifestazione da non perdere se vi trovate da quelle parti: questi rituali religiosi antichissimi riportano un paese come la Thailandia, così fortemente occidentalizzato e moderno, al fascino mistico delle filosofie orientali.
Tra l’altro questo è uno dei momenti migliori per visitare la Thailandia e i biglietti costano intorno ai 530 euro andata e ritorno da Roma o Milano.

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg
Vegetarian Phuket Festival Vegetarian Phuket Festival Vegetarian Phuket Festival Vegetarian Phuket Festival Vegetarian Phuket Festival Vegetarian Phuket Festival Vegetarian Phuket Festival Vegetarian Phuket Festival



Articoli correlati

App di viaggio: le migliori da scaricare ora (14 Gennaio 2014)
Umeå in Svezia Capitale della Cultura 2014 (13 Gennaio 2014)
Riga in Lettonia, capitale della cultura 2014 (9 Gennaio 2014)
Top destinazioni 2014 secondo Lonely Planet: Brasile al primo posto (8 Gennaio 2014)
Acceso l’albero di Natale al Rockfeller Center di New York: la stagione natalizia nella Grande Mela è ufficialmente iniziata (5 Dicembre 2013)

Commenti (0)

Feed RSS 2.0 dei commenti


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili