In Spagna, alla scoperta del Cammino di Santiago

SANTIAGO DE COMPOSTELA - foto e immagini

Guarda tutte le foto

In passato, milioni di pellegrini partivano alla volta di Santiago di Compostela, e dopo mesi, anni, a volte decenni, giungevano nel cuore nordoccidentale della penisola iberica, in Galizia, per purificarsi dai loro peccati ed espiare le loro colpe. Fiumi, laghi, montagne e pianure, a piedi o a cavallo, ‘armati’ solo da una tunica, da un mantello di stoffa, da un cappello a tesa larga (il petaso), da un bastone e da una bisaccia per le provviste. Ancor oggi molti Paesi europei si candidano ad essere punti di partenza per compiere il celebre e faticoso Cammino di Santiago…

Nel 1139 si riteneva che Santiago de Compostela fosse un luogo misterioso, in cui il sole scompariva all’orizzonte, inabissandosi lentamente nell’Atlantico. Nonostante le scoperte geografiche e scientifiche compiute, questo Paese rimane una meta ricca di fascino, a tal punto da indurre fiumi di pellegrini ad affrontare lo stesso tragitto.
In parte, il merito è di Papa Giovanni Paolo II, che nel 1982 invitò i fedeli a visitare questo territorio, in parte del Consiglio d’Europa che, cinque anni più tardi, proclamò questo Cammino un itinerario culturale europeo, perchè si tratta di un percorso in cui, ai monumenti religiosi, si alternano culture e lingue diverse.
Nel 2004, Anno Santo compostellano, ben 250 mila visitatori hanno indossato una una conchiglia (una capasanta) fregiata da una croce rossa, come si usava fare nel 1100, visitando la cattedrale ed il monastero di San Juan de la Peña, le cattedrali di Burgos e di León, la cittadella di Sahagún, le rovine del convento di San Antón, la chiesa romanica di San Martín, la chiesa di Santa María la Real, il castello dei Templari, la chiesa di Santa María e infine la cattedrale di Santiago.

Al culmine di questa avventura, i fedeli vengono accolti dalla campana della cattedrale ed invitati a segnarsi di fronte ad una colonna di pietra scolpita, per ricevere l’indulgenza.
Il Cammino può proseguire con una piacevole sosta in uno dei numerosi locali che circondano la cattedrale e soprattutto nei bellissimi monasteri.

Unica raccomandazione: attenti all’incensiere della cattedrale ed alla sua oscillazione lungo un arco di 50 metri, la purificazione avviene tranquillamente anche se si prega a debita distanza dall’incenso!

Deborah Baldasarre

Link utili:

Voli Low Cost Europa
Santiago Turismo
Spagna

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg
santiago de compostela santiago de compostela santiago de compostela santiago de compostela santiago de compostela santiago de compostela santiago de compostela



Articoli correlati

San Fermín 2013: dal 6 al 14 luglio a Pamplona (27 Giugno 2013)
Viaggio a Finisterre: la “fine del mondo” passa attraverso le delizie della cucina gallega (17 Giugno 2013)
Carnevale 2013 a Tenerife dal 6 al 17 febbraio (8 Gennaio 2013)
Museo del Prado a Madrid: orari e biglietti (5 Dicembre 2012)
Turismo in bicicletta: le città con il miglior bike sharing (3 Dicembre 2012)

Commenti (2)

Feed RSS 2.0 dei commenti

  1. cerco amici per il prossimo anno per fare il percorso

  2. spiacente, qui trekker comunista! buona strada… :-D


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili