Viaggio a Finisterre: la “fine del mondo” passa attraverso le delizie della cucina gallega

finisterre

Anche oggi restiamo nella stessa parte di mondo, la penisola iberica, ma ci spostiamo un po’ più a nord di Lisbona, lasciamo il Portogallo e arriviamo in Spagna e, più precisamente, in Galizia, dalle parti di Santiago de Compostela. Niente paura, però: non vi parleremo di camminate lunghe chilometri e della affascinante e dura vita del pellegrino. Facciamo piuttosto un giretto tra i paesini galiziani fino ad arrivare a Finisterre, là dove si pensava che il mondo finisse.

La Galizia è una delle regioni più belle della Spagna e, per chi ha deciso di impegnarsi nel cammino di Santiago, uno dei momenti più belli, non solo perché lascia intravedere l’arrivo. Verde e rigogliosa, piena di boschi e corsi d’acqua, nella scansione virtuale del cammino è un vero e proprio paradiso, mentre inferno e purgatorio sono le prime due regioni attraversate in particolare Navarra e Castilla che hanno percorsi più impegnativi e paesaggi spesso brulli e spogli.

Dicevamo, la Galizia, nell’estremo nord della penisola iberica era terra di romani e i gallegos sono ospitali e amanti della buona tavola e del buon vino. Pulpo alla gallega, empanadas, mariscos e tutti i crostacei nelle zone costiere rendono la Galizia un posto non solo bello da visitare, ma particolarmente soddisfacente per il palato: ci sono un sacco di piccole trattorie, localini, baretti economici dove sedervi e mangiare e bere spendendo davvero poco.

Anche se non fate il cammino, Santiago merita una visita. Non perdetevi la Cattedrale, fiore all’occhiello di questo borgo medievale bellissimo. Nel santuario, imponente e barocco, sono conservate le spoglie di Giacomo il Maggiore, apostolo di Cristo. E’ uno dei monumenti più importanti della cristianità.

Dopo la visita al Santuario passeggiate un po’ per i vicoletti e le stradine intorno. Santiago è un luogo di grande spiritualità ma anche una trappola per turisti, non fatevi fregare e godetevi l’allegria dei pellegrini, soprattutto quelli più giovani che la notte cantano per le vie immemori della stanchezza e delle piaghe ai piedi

Noleggiate una macchina, i prezzi non sono alti e se poi arrivate con una compagnia low cost (Ryanair vola fino a Santiago), potrete usufruire di diverse agevolazioni. Lasciata alle spalle Santiago, percorrendo le strade provinciali verso sud raggiungete la Rìa de Muros e Noia che è una delle tante insenature per cui è famosa la Galizia. Queste in particolare sono le rìas baixas, si affacciano sull’Atlantico e sono più grandi di quelle a nord, las rìas altas. Seguendo la costa incontrerete diversi villaggi di pescatori e gente di mare.

Prendetevela con calma, sostate ogni tanto per un bicchiere di vino fresco e un piatto di molluschi e crostacei, i signori della tavola galiziana sulle coste. Pinchos e tapas da queste parti sono un po’ meno comuni, ma non mancano e come nella miglior tradizione spagnola sono spesso offerti gratuitamente per accompagnare il vino o la cerveza.

Procedendo verso nord, superati Muros, Lira O Pindo, Corcubiòn infilatevi in quella che è la propaggine più a ovest della Spagna. Proseguite fin dove arriva la strada. Scendete dalla macchina, camminate un pochino e raggiungete il promontorio di Finisterre o Fisterra come dicono da queste parti.

Siete nel punto dove si diceva finisse la terra. Davanti a voi solo oceano e cielo. Nient’altro. Un luogo di rara bellezza e intensità.

I pellegrini spesso prolungano il loro cammino fino a qui. Bruciano un indumento, si tuffano nell’oceano per purificarsi e raccolgono una conchiglia, simbolo del cammino di Santiago. Se non avete voglia di fare il bagno, potete comprare un’agata in ricordo. Ci sono sempre delle bancarelle che ne vendono alcune blu davvero molto belle.

Per informazioni sulla Galizia ecco un sito interessante e utile.

foto di turboalieno

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

App di viaggio: le migliori da scaricare ora (14 Gennaio 2014)
Umeå in Svezia Capitale della Cultura 2014 (13 Gennaio 2014)
Riga in Lettonia, capitale della cultura 2014 (9 Gennaio 2014)
Top destinazioni 2014 secondo Lonely Planet: Brasile al primo posto (8 Gennaio 2014)
Acceso l’albero di Natale al Rockfeller Center di New York: la stagione natalizia nella Grande Mela è ufficialmente iniziata (5 Dicembre 2013)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili