Mercato delle Gaite a Bevagna: fino a domenica 26 giugno un tuffo nel medioevo

gaite

Fino a domenica 26 giugno avete la possibilità di fare un salto indietro nel tempo e trascorrere una serata immersi nel medioevo con il Mercato delle Gaite a Bevagna, piccolo borgo umbro in provincia di Perugia.

Il Mercato delle Gaite è una delle manifestazioni storiche locali tra le più interessanti. L’origine deriva dall’antica divisione della città in epoca medioevale: quattro quartieri o gaite in cui era organizzata l’amministrazione cittadina. Il Mercato delle Gaite è dunque una rievocazione storica delle abitudini e della vita quotidiana degli abitanti nel periodo tra il 1250 e il 1350.

La faccenda è molto seria e nulla è lasciato al caso: un gruppo di studiosi si occupa di esaminare lo Statuto Cinquecentesco del Comune di Bevagna e controllare che le rievocazioni siano il più possibile conformi con quanto realmente accaduto. Per dieci giorni Bevagna fa un salto indietro nel tempo: i cittadini si vestono con costumi d’epoca e svolgono le attività tipiche del periodo. Se capitate per caso senza aver idea di quello che succede, vi garantiamo che l’effetto è decisamente estraniante, un po’ alla Frittole di “Non ci resta che piangere”, il film culto con Benigni e Troisi.

La città, dicevamo, è divisa in quattro gaite e ogni gaita rivaleggia con l’altra nella speranza di vincere il palio finale che incorona la rievocazione più fedele. Le botteghe artigiane aprono i battenti mostrando il meglio dell’arte artigiana medievale: la cereria mostra come si facevano le candele in pura cera d’api, il setificio insegna il ciclo di produzione della seta dal baco alla torcitura del filo e la cartiera mostra com’era prodotta la carta bambagina realizzata con la polpa derivata dagli stracci. C’è spazio anche per la bottega del dipintore in cui abili maestri d’arte mostrano come i colori e le tempere fossero prodotti con elementi naturali come il tuorlo d’uovo.

Vecchie maestrie affascinanti che non mancheranno di incantare bambini e adulti curiosi. Naturalmente si potrà mangiare e bere in uno dei tanti luoghi di ristoro organizzati nelle gaite. Taverne e locande con piatti e bicchieri di coccio per il meglio della cucina umbra medievale.

Potete consultare il programma completo qui.

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

App di viaggio: le migliori da scaricare ora (14 Gennaio 2014)
Umeå in Svezia Capitale della Cultura 2014 (13 Gennaio 2014)
Riga in Lettonia, capitale della cultura 2014 (9 Gennaio 2014)
Top destinazioni 2014 secondo Lonely Planet: Brasile al primo posto (8 Gennaio 2014)
Acceso l’albero di Natale al Rockfeller Center di New York: la stagione natalizia nella Grande Mela è ufficialmente iniziata (5 Dicembre 2013)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Italia
    Napoli
    Roma
    Genova
    Milano
    Torino
    Salento
    Palermo
  Toscana
    Elba
    Firenze
    Perugia
  Veneto
    Venezia
    Verona

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili