Monte Fuji in Giappone: pericolo per il nuovo Patrimonio dell’Umanità Unesco?

fuji

E’ dal Giappone che arrivano due delle notizie più interessanti degli ultimi giorni sul mondo dei viaggi e del turismo. La prima è l’ufficializzazione delle prossime Olimpiadi del 2020 che, com’è noto, si svolgeranno nella capitale nipponica. Delle Olimpiadi a Tokyo torneremo certamente a parlarne, ma la notizia che più ci preme è la seconda, e non è bella. Sembra che il Monte Fuji, quinta meravigliosa di ogni fotografia che ritragga la metropoli del Sol Levante sia in pericolo. Perché? Cosa succede?

Il Monte Fuji, con i suoi 3700 metri di altezza circa, è la montagna più alta del Giappone ed è un vulcano. Si trova a un centinaio di chilometri da Tokyo e, con le sue cime innevate dieci mesi l’anno, è una delle cartoline più fotografate nei viaggi in Giappone.

Lo scorso giugno, l’UNESCO l’ha dichiarato patrimonio dell’umanità e, secondo gli esperti, i problemi nascono proprio da qui. Infatti, il volume delle escursioni è molto aumentato creando non pochi disagi in un luogo che è già delicato e che il riscaldamento globale ha reso ancora più sensibile.

I giapponesi tengono molto al Monte Fuji, considerato sacro, e già dal 1936 è diventato Parco Nazionale. Sembra che ogni anno siano circa 300 mila i trekkers che scalano la montagna, una cifra questa destinata ad aumentare proprio in virtù dell’eco prodotta dall’inserimento nella lista UNESCO.

La morfologia della montagna e i percorsi di trekking si prestano molto a escursioni di gruppo, elemento che non farebbe altro che accrescere la possibilità di danni per il territorio. Certo, l’aumento delle visite ha prodotto anche un interessante sviluppo economico, fatto positivo questo per un paese che negli ultimi anni, tra disastri ambientali e crisi economica ha sofferto molto. Tuttavia, nessuno ha intenzione di mettere a rischio proprio una delle icone più amate dai giapponesi.

Le misure cui si sta pensando sono diverse. Tra queste anche un aumento del ticket di ingresso e visita al monte: adesso si pagano circa 1000 yen, 75 euro, per percorrere e stazionare sulle vie che conducono alla cima. Il contributo potrebbe aumentare, anche se resta il dubbio che con un incremento del biglietto, la gente potrebbe decidere di non dormire nelle strutture predisposte ma organizzarsi all’addiaccio con gravi rischi di ipotermia e pericolo per gli avventurieri più incoscienti.

Il fatto che il Monte Fuji da lontano sembri poco ripido e in genere più semplice da scalare rispetto a tanti altri, non deve ingannare. Ogni anno si registrano incidenti e vittime e un aumento del traffico di trekkers non farebbe che aumentare le insidie. Inoltre il riscaldamento globale ha reso la montagna più sensibile a fenomeni di erosione che causano frane e smottamenti. Insomma, come per ogni escursione in montagna, anche nel Monte Fuji bisogna prestare la massima attenzione.

Ultimo, ma non per questo meno importante interrogativo, è la massa di rifiuti che ogni anno si accumula sulla vetta complice l’aumento di visitatori. E’ chiaro che maggiori visite aumenterebbero anche l’inquinamento ambientale e ogni anno vengono spesi un sacco di soldi e impiegati migliaia di volontari per tenere il monte pulito.

L’eco che l’Unesco gli ha regalato ai quattro angoli del mondo se, da un lato, ha inorgoglito i giapponesi, dall’altro li preoccupa non poco per le sorti di questa icona amata in tutto il Sol Levante. Speriamo che si trovino strategie adeguate per tutelare e proteggere questo affascinante patrimonio dell’Umanità.

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

App di viaggio: le migliori da scaricare ora (14 Gennaio 2014)
Umeå in Svezia Capitale della Cultura 2014 (13 Gennaio 2014)
Riga in Lettonia, capitale della cultura 2014 (9 Gennaio 2014)
Top destinazioni 2014 secondo Lonely Planet: Brasile al primo posto (8 Gennaio 2014)
Acceso l’albero di Natale al Rockfeller Center di New York: la stagione natalizia nella Grande Mela è ufficialmente iniziata (5 Dicembre 2013)

Commenti (1)

Feed RSS 2.0 dei commenti

  1. in the event you want, I’ll create you content articles. Copywriter seeking for function


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili