Siria, Palmira: viaggio proposto da Metamondo

PALMIRA, SIRIA - foto e immagini

Guarda tutte le foto

La Siria occupa intere colonne dei nostri quotidiani quando si indugia su perifrasi come “asse del male”, “asse del terrore”. In questo tristemente accumunata ad altri stati dalle ricche bellezze turistiche come la Corea del Nord, la Cina, l’Iran.

La Siria è stata uno dei cuori pulsanti dell’Impero Romano prima e poi di quello bizantino, turco ecc. Da qui sono giunti anche molti generali e imperatori della stessa Roma. Le oasi archeologiche sono ancora oggi di magnifica fattura. Palmira (Palmyra) è certamente una di queste e mantiene un aspetto persino soprendente per stato di conservazione.

Sorge in un’oasi circa 200 km sopra la capitale della Siria Damasco. Le strade carovaniere per l’oriente tra Persia, India, Cina e l’Impero Romano, trovavano qui un importante nodo di scambio e di sosta per chi si accingeva ad attraversare il deserto siriano. Tutto il sito di Palmira è attualmente tra i Patrimoni dell’Unesco. Citata già nella Bibbia con il nome di Tadmor iniziò a fiorire nel periodo greco-romano. Persa dai successori di Alessandro Magno nel 323 a.C. la città potè darsi un governo autonomo. La definitiva esplosione avvenne dopo che entrò nelle comquiste di Pompeo a partire dal I secolo a.C..
Per la sua importanza strategica la città era mira dell’espansione persiana e più volte si ribellò al controllo romano (è noto il nome della regina Zenobia che addirittura cercò di strappare alla capitale dell’Impero anche l’Egitto). Sotto Diocleziano Palmira divenne una città-fortezza dotata di molte legioni. Di quel passato restano lo stupefacente teatro, uno dei pochi dell’antichità conservato nella sua quasi totale interezza, il decumano, i resti dei palazzi del governatore, delle strade e di molte abitazioni.

Per Palmira e la Siria una delle proposte più interessanti è quella di Metamondo. Il tour classico di 8 giorni prevede: sbarco in aereo ad Aleppo, visita della città assira di Resafa, pernottamento a Qal’at el Ja’bar, escursione al santuario di San Simeone di Aleppo con a seguire giro della città (Cittadella, la Grande Moschea, il Souk, il Museo nazionale). Dal 4 giorno visita di Serjilla, Apamea, Hama, Homs. Il quinto giorno dedicato interamente a Palmira dove si ammirano il Gran Colonnato, l’Agorà, il Museo, il Teatro, i Templi e le Tombe. Per chiudere escursione al Crac dei Cavalieri, la fortezza testimone dell’era crociata, e alla cittadina di Maaloula. Rientro da Damasco dopo la visita della città (Museo Nazionale, Moschea degli Omayyadi, palazzo Azem, Suq Al-Hamedieh, Cappella di S. Anania, finestra di San Paolo). Per i prezzi: l’offerta che parte dal 13 gennaio vi porta in Siria a 990 euro tutto incluso.

Foto di wikipedia, soygnatus, jamesdale10.

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg
Palmira, Siria Palmira, Siria, il teatro Palmira, Siria, proscenio del teatro Palmira, Siria Palmira, Siria, Tempio di Bel Palmira, Siria, proscenio del teatro



Articoli correlati

World Monuments Watch: nella lista dei siti in pericolo c’è anche l’Italia (10 Ottobre 2013)
Patrimoni dell’Umanità UNESCO 2011: ecco i nuovi 25 siti (30 Giugno 2011)
Turismo e crisi internazionale: stop ai viaggi dal Marocco alla Siria (24 Marzo 2011)
Vacanze 2011: le 10 migliori destinazioni secondo Lonely Planet (4 Novembre 2010)
Ponte dell’Immacolata 2010: viaggio in Siria culla della civiltà (5 Ottobre 2010)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili