Site Transitorie: un’opera d’arte nelle Crete Senesi

Site Transitoire, Crete senesi

Quando natura e uomo lavorano insieme, l’arte si fonde col paesaggio e nascono luoghi che racchiudono in sé la magia. Sullo sfondo delle suggestive Crete Senesi, dalle mani creatrici di Jean-Paul Philippe nasce il Site Transitorie, scultura e luogo insieme.

Esco da Siena lasciandomi l’atmosfera di festa alle spalle. Il Palio è alle porte e lo spirito contradaiolo invade le strade con un’energia pulsante. Mi hanno parlato della scultura di un artista francese sulle colline che circondano la città. Lascio Siena e vado verso la natura e il silenzio. Imbocco la superstrada Siena-Bettolle e prendo l’uscita Taverne d’Arbia. Dopo qualche chilometro scorgo l’indicazione che conduce al Site Transitorie, mentre la strada si snoda attraverso le Crete, le colline coperte dalla famosa terra di Siena che si scalda alla luce del tramonto. Scendo dalla macchina e proseguo a piedi verso quella che sembra una porta aperta sul nulla, un passaggio ideale sospeso nella terra brulla. Davanti alla porta un banco e poco più in là una sedia in pietra. Mi siedo e guardo. Il sole filtra i suo ultimi raggi attraverso l’apertura e arriva dritto a me, osservatore emozionato nel silenzio.

”Qualche anno fa un pensiero ha completamente occupato il mio tempo, realizzare in pietra e mettere in spazio tre posizioni familiari: seduta, alzata, sdraiata…e lasciarle mute o dialogare fra loro nella solitudine e nel silenzio di un luogo naturale” spiega Jean-Paul Philippe. “Il luogo scelto fu quello: una collina tra Siena e Asciano nel cuore delle Crete Senesi, tra Leonina e Mucigliani” continua l’artista, descrivendo la sua opera come “una dimora senza mura dalla soglia invisibile. A terra alcune lastre, una sedia per accogliere il passante, un banco, una finestra e per tetto la volta celeste. L’ombra di questo mobilio di pietra tracciava al suolo la sua passeggiata grazie alle apparizioni della Luna e del Sole. Nel solstizio d’estate è nell’appiombo della finestra che il disco solare sparisce, mentre brillano la prima stella e le luci di Siena.”
Da vedere, assolutamente. Ed emozionarsi.

Foto di Elisa Lavizzari

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

Terme libere in Italia: 5 luoghi di relax gratis (12 Novembre 2013)
World Monuments Watch: nella lista dei siti in pericolo c’è anche l’Italia (10 Ottobre 2013)
Settimana del Baratto 2013: dal 18 al 24 novembre in tutta Italia (24 Settembre 2013)
Le grandi mostre della prossima stagione: da Augusto a Warhol passando per Rodin, Basilico e Lennon (9 Settembre 2013)
Vacanze 2013 ai tempi della crisi: ferie più brevi e nessun bollino nero (10 Luglio 2013)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Italia
    Napoli
    Roma
    Genova
    Milano
    Torino
    Salento
    Palermo
  Toscana
    Elba
    Firenze
    Perugia
  Veneto
    Venezia
    Verona

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili