Transiberiana. Da Mosca a Pechino sulla strada ferrata più lunga del mondo

6 giorni, 5 ore e 27 minuti di viaggio. Questo è il tempo che attraverso la sterminata steppa russa si impiega da Mosca a Vladivostok e, con una seconda linea, dalla capitale russa a Pechino lungo le mitiche rotaie della Transiberiana, la più lunga tratta ferroviaria del mondo con i suoi quasi 10 mila chilometri di “strada ferrata”!

La Transiberiana nacque alla fine dell’Ottocento ed iniziò ad essere operativa nel 1916, poco prima della Rivoluzione d’Ottobre. L’idea dell’erede al trono di Russia Tsesarevitch Nikolay Alexandrovitch era quella di seguire, con l’ausilio dei “cavalli d’acciaio”, il percorso tracciato dai corrieri dello Zar per trasmettere messaggi, editti e comunicati in ogni angolo dell’immenso regno russo. A più di un secolo di distanza quella che secondo i pessimistici detrattori dell’epoca sarebbe stata un’idea di breve durata (dato l’elevato costo di gestione della tratta) continua invece a macinare chilometri su chilometri e a pieno ritmo. Nata per collegare i più grandi centri della Siberia con l’Estremo Oriente, la Transiberiana attraversa ben otto fusi orari! La linea più antica, che unisce Mosca a Vladivostok, collega lungo il suo percorso Yekaterinburg, Novosibirsk, Krasnoyarsk, Irkutsk e Khabarovsk.

Al di là di Yekaterinburg, una delle più antiche città della Russia posta al confine tra Europa ed Asia dalla quale ebbe inizio la rivolta contro gli Zar, si apre l’immensa distesa delle steppe siberiane, un panorama brullo, deserto eppure terribilmente affascinante. Migliaia di chilometri più in là, ecco Irkutsk, che si trova lungo il confine con la Mongolia (quindi con la Cina) nelle vicinanze dell’immenso Lago Baikal, il più profondo del mondo con i suoi 1.637 metri di profondità. E proprio questo tratto fu il più difficile da costruire. Chilometri di gallerie scavate nelle montagne e ponti a strapiombo su fiumi. Migliaia di persone, soprattutto dissidenti politici, carcerati e contadini, furono impiegate (e molte persero la vita) nella costruzione di questo ciclopico progetto ferroviario che attraversa i tratti più spettacolari dell’ex Unione Sovietica.

Cime innevate, steppe sterminate, fiumi ghiacciati, laghi, boschi di betulle, paesaggi di tundra spesso solo vagamente immaginati o sognati attraverso la lettura dei classici russi. Se a tutto questo aggiungiamo la calda ospitalità della gente, la Transiberiana è senza dubbio il modo più romantico e completo per conoscere le bellezze della Russia, ma anche della Mongolia e della Cina. Ed è a Pechino che si conclude il tratto “cinese” della Transiberiana, ovvero la Transmongolica che attraversa la Mongolia e taglia a metà il deserto del Gobi. Per organizzare il vostro viaggio in Transiberiana, potete cliccare su www.transiberiana.com (in italiano) oppure su http://trains.waytorussia.net/ (in inglese). Dasvidania!

Lara Elia

Way to Russia
Tour Operator Transiberiana

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

Viaggiare a dicembre: ecco 7 ottime scuse (3 Dicembre 2013)
In crociera con Peppa Pig: l’offerta MSC dedicata ai più piccoli (4 Luglio 2013)
Viaggi con animali: la Virgin Australia lancia il programma frequent flyer per animali domestici (26 Giugno 2013)
Viaggiare spendendo poco: dallo scambio casa al successo di airbnb (22 Aprile 2013)
Nave dei libri: dal 20 al 25 aprile una minicrociera letteraria Civitavecchia - Barcellona (27 Marzo 2013)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili