Viaggio a Petra, la città perduta, una delle sette meraviglie del mondo moderno

PETRA, LA CITTà PERDUTA, IN GIORDANIA - foto e immagini

Guarda tutte le foto

Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta delle sette meraviglie del mondo moderno, iniziato qualche settimana fa con il Colosseo, il Taj Mahal e la Grande Muraglia Cinese.
Oggi andiamo in Giordania tra le antiche vestigia di Petra, la città scavata nella pietra, un sito archeologico di rara bellezza, proclamato Patrimonio dell’Umanità UNESCO sin dal 1985.

La storia di Petra è molto antica: gli archeologi fanno risalire la sua fondazione al VII secolo a.C., e già nell’antica Roma veniva considerata come una delle meraviglie del mondo, la prima e unica al di fuori del Mediterraneo.

La città si trovava proprio sulle rotte commerciali che muovevano verso il Mediterraneo e l’Egitto ed era perciò attraversata da carovane provenienti dall’Asia. Il sito era particolarmente adatto per la ricchezza d’acqua che ne faceva una sorta di oasi in mezzo al deserto arido e brullo che tuttora la circonda.

Il popolo nomade dei Nabatei ideò raffinati sistemi di irrigazione e raccolta delle acque e avviò la costruzione di Petra così come la conosciamo oggi. Divenne un importante polo commerciale, una città di rara bellezza con le sue case scavate nella roccia e intorno al I secolo a. C., raggiunse l’apice della sua importanza nel mondo antico.

Dopo esser stata annessa all’impero romano e l’influenza bizantina, arrivarono gli arabi che però si disinteressarono a Petra quasi subito avendo deciso di espandersi verso nord. Petra cadde in disgrazia e fu completamente dimenticata nel medioevo finché, due secoli fa nel 1812, l’esploratore svizzero Buckhardt si fece accompagnare alla scoperta di quella che chiamavano la Città Perduta. Da allora Petra è diventata uno dei siti archeologici più amati dai viaggiatori di tutto il mondo.

Visitare Petra è un’esperienza unica. Il biglietto è molto caro: 50 dinari, pari a circa 45 euro, ma ne vale la pena. Scegliete l’ora giusta e prendetevi tutto il tempo. Di solito per visitarla bene ci vuole una giornata intera ma se ne avete la possibilità prendetevi almeno due giorni. L’alba e il tramonto sono i momenti migliori, non solo perché il caldo torrido impedisce di godersi la visita, ma anche perché il sole alto delle ore centrali vi impedirebbe di riportare a casa delle belle foto.

L’ingresso consigliato è quello a est che si snoda attraverso un lungo corridoio scavato nella roccia chiamato Siq, alla fine di questo passaggio si trova il monumento più importante e bello della città: El Khasneh al Faroun. Realizzato tra l’87 e il 62 a.C. per accogliere la tomba del re nabateo Areta III, è interamente scavato nella roccia e una leggenda vuole che al suo interno fosse conservato un tesoro, che però non è mai stato trovato.

Vedrete la diga, il paesaggio drammatico di Bab el Siq, poco prima della gola e tre grandi costruzioni scavate nella pietra di arenaria rossa e rosa: Djin, la Tomba Obelisco e il Triclinium, di chiara costruzione romana. E poi la splendida fontana del Ninfeo, la Strada Colonnata, il Tempio dei Leoni Alati, le affascinanti costruzioni scavate nella rocia e le straordinarie invenzioni ingegneristiche per la raccolta e irrigazione delle acque.

Il fascino di Petra ha catturato anche il mondo del cinema che ha spesso scelto questa come location per alcuni film. Tra questi il classico Indiana Jones e Mission to Mars che aveva visto nell’antica città perduta il luogo perfetto per simulare il suolo di Marte, il pianeta rosso.

Petra si trova a circa 250 chilometri da Amman, la capitale della Giordania, in una grande valle che dal Mar Morto arriva al golfo di Aqaba sul Mar Rosso. Tutti i viaggi con destinazione in Giordania, in alcune parti dell’Egitto e naturalmente in Israele prevedono escursioni a Petra. Il periodo migliore per visitare l’antica città perduta è la primavera.

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg
Petra, la città perduta, in Giordania Petra, la città perduta, in Giordania Petra, la città perduta, in Giordania Petra, la città perduta, in Giordania Petra, la città perduta, in Giordania Petra, la città perduta, in Giordania Petra, la città perduta, in Giordania



Articoli correlati

App di viaggio: le migliori da scaricare ora (14 Gennaio 2014)
Umeå in Svezia Capitale della Cultura 2014 (13 Gennaio 2014)
Riga in Lettonia, capitale della cultura 2014 (9 Gennaio 2014)
Top destinazioni 2014 secondo Lonely Planet: Brasile al primo posto (8 Gennaio 2014)
Acceso l’albero di Natale al Rockfeller Center di New York: la stagione natalizia nella Grande Mela è ufficialmente iniziata (5 Dicembre 2013)

Commenti (0)

Feed RSS 2.0 dei commenti


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili