Viaggio in Giappone: l’educazione a tavola

Japanese food

Se avete in programma un viaggio in Giappone avete bisogno di qualche informazione su come mostrarsi educati e rispettosi in uno dei paesi più attenti ai comportamenti e alle buone maniere.

La primavera e l’autunno sono i momenti migliori per recarsi nel paese del Sol Levante. La fioritura dei ciliegi rende l’atmosfera particolarmente suggestiva, mentre a fine agosto le temperature sono più miti e le foglie che cadono vi regaleranno giornate struggenti all’ombra del monte Fuji.

Una delle caratteristiche del popolo giapponese è l’estrema attenzione alle buone maniere e a un protocollo di comportamenti che spesso ci sembrano lontani anni luce dai nostri. Informarsi e tenere a mente alcune piccole regole vi permetterà di evitare imbarazzanti figure e di mostrarvi giustamente rispettosi della cultura del paese che vi ospita.
Ecco qualche suggerimento utile da seguire durante il pasto.

Mangiare e stare a tavola sono momenti importanti. Usare le bacchette non è sempre facile ma con un po’ di pratica s’impara presto. Ricordatevi di non passare cibo con le vostre bacchette a qualcun altro: questo è, infatti, parte di un rito funebre, quindi non appropriato quando si mangia in un ristorante o si è ospiti di qualcuno.

Se si divide la tavola con altri commensali giapponesi è buona norma prima di iniziare il pasto, pronunciare la parola itadakimasu qualcosa di simile al nostro “buon appetito” e che letteralmente significa riceverò. Alla fine del pasto si dice invece gochiso-sama deshita che significa è stata una vera festa.

E’ considerata maleducazione riempirsi il bicchiere da solo. Occorre riempire quello della persona che vi siede accanto e aspettare che poi vi venga ricambiato il favore, tenendo il bicchiere in alto leggermente fuori dal tavolo. Quando tutti hanno il bicchiere pieno si levano tutti al cielo e si grida kampai che vuol dire evviva!.

Un piatto tipico della cucina giapponese sono i ramen, sorta di tagliatelle poco più strette delle nostre, serviti in una ciotola abbastanza brodosa. A differenza del nostro galateo che prevede un mangiare decisamente silenzioso privo di qualsiasi rumore, in Giappone invece è cosa gradita quello che gli americani chiamano “slurp” cioè il rumore del risucchio. Sembra sia segno di gradimento. Addirittura si dice che per trovare il locale dove si mangiano i migliori ramen bisogna seguire i rumori che si sentono da fuori.

Se siete ospiti di amici giapponesi e vi recate a casa loro, o in qualsiasi luogo che abbia un tatami, ricordatevi all’ingresso di togliere le scarpe e usare le pantofole che vi verranno fornite.

Il Giappone è una terra misteriosa e bellissima da visitare, seguire alcune delle loro abitudini vi permetterà di trascorrere un soggiorno ancora più piacevole.

foto di | Ray Chang |

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

App di viaggio: le migliori da scaricare ora (14 Gennaio 2014)
Umeå in Svezia Capitale della Cultura 2014 (13 Gennaio 2014)
Riga in Lettonia, capitale della cultura 2014 (9 Gennaio 2014)
Top destinazioni 2014 secondo Lonely Planet: Brasile al primo posto (8 Gennaio 2014)
Acceso l’albero di Natale al Rockfeller Center di New York: la stagione natalizia nella Grande Mela è ufficialmente iniziata (5 Dicembre 2013)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili