Visto Giappone? Dogana Malpensa dice no


Un amico di voiaganto, Luke Allardyce, trasferitosi pochi giorni fa in Giappone per motivi di studio e di lavoro, ci racconta una di quelle storie per cui da italiani dovremmo iniziare ad impallidire e a vergognarci di una realtà dei servizi patrii davvero penosa.

Cos’è successo a Luke? Bene, ha quasi rischiato di perdere i soldi del volo aereo (intercontinentale) e di dover rifare tutta la procedura del visto perché l’Italia ha un sistema di gestione delle dogane che dire “elefantiaco” è un eufemismo. Ma sentiamo direttamente il suo racconto e fate attenzione ai tempi che descrive.

«Devo ricevere dal Giappone la lettera di accettazione e il certificato di elegibilità, due documenti senza i quali non posso avere il visto dal consolato giapponese di Milano. La busta è stata spedita dal Giappone il 20 agosto con EMS. L’EMS è uno specie di pacco ultra-celere internazionale, esiste anche in Italia ma per qualche strano motivo solo verso paesi scelti non si sa bene con quale criterio. Secondo la lista dei tempi di consegna giapponesi l’EMS verso l’Italia ci avrebbe dovuto mettere 6gg, mica male sulla carta, strano che verso tutti gli altri paesi dell’EU ci mette al massimo 4gg e verso la Gran Bretagna adirittura solo 2 giorni.
C’è anche una bella lista di paesi con ritardi speciali, dove ovviamente ritroviamo di nuovo l’Italia in mezzo ad altri posti con l’infrastruttura complicata tipo Sudan, Iraq etc. Il motivo per “un ritardo medio di 2 giorni” (quindi siamo a 8gg in totale ufficialmente) è giustificato come “controlli doganali eccezionali”.

Dunque busta spedita il 20 agosto, sul sito di tracking delle poste nipponiche risulta aver lasciato il Giappone su un volo diretto a Milano la mattina del 21. Da li in poi è sparito completamente per 8gg. Le poste giapponesi più volte mi hanno detto che non l’avevano più e, dopo innumerevoli chiamata alle poste italiane (con tutta la trafila che immaginate “pigia il tasto…, attendi”) ho scoperto che finché la busta non appare nel loro sistema (ovvero è passato dallo scanner) per loro non esiste e non ci possono fare niente.
Il paradosso è che io vivo a Milano e i documenti indispensabili per partire stavano a 10 km da casa, in qualche deposito postale di Malpensa, più precisamente al “Gateway” delle poste di Lonate Pozzolo.

Sabato 30 mattina finalmente il centralino delle Poste Italiane, conferma che il pacco è apparso sul tracking ems come “arrivato” a malpensa (cos’era, un volo da Osaka a Milano via Marte?), mi dicono che dovrò aspettare che sia in fase di sdoganamento per sapere qualcosa. Continuo a rompere e a inondarli di chiamate fino al venerdì successivo (siamo ormai al 5 settembre), quando la mia ragazza riesce a far prendere a cuore la mia situazione ad un’operatrice che promette di parlare con uno dei direttori del gateway e farci sapere. Dopo altre chiamate ed un altro giorno scopriamo che hanno sdoganato i miei due pezzi di carta e che il tutto era stato spedito al deposito SDA di Pregnana Milanese.
Ho chiesto se mi sarebbe stato consegnato lunedì (l’8 settembre, ultimo giorno utile per il visto), la risposta era che sarebbe giunto “in giornata”; quando ho cercato di spiegare che se non arrivava entro le 11 ero fot… mi hanno detto che se volevo essere sicuro dovevo bloccare la busta ed andare di persona a ritirarlo.
Lunedì 8 settembre, dopo 2 ore di andata e ritorno con i mezzi a Pregnana, sono andato in consolato con il tutto e sono riuscito a fare il visto (e a partire il giorno successivo). Ben 19 gg dopo la spedizione. Se non eravamo in 3-4 a tempestare e ad informarci avrei buttato via minimo altri 1000 euro per rifare il volo senza contare tutte le spese per il visto.

Informandomi un po’ sulla situazione a Milano (qua c’è una marea di info) ho scoperto che a Malpensa lo sdoganamento (di qualsiasi merce si tratti, dallo zircone al foglio di carta) è gestito interamente dalle Poste. In pratica sono così concentrati ad imporrere il dazio e iva su ogni singolo pacchetto (immagino che oltre alla giacenza che fanno pagare al destinatario si prendono una percentuale dei soldi che fanno per lo stato per le tasse doganali) che vengono coinvolti anche lettere e documenti che non hanno alcun valore (e quindi dovrebbero essere sdoganate senza problemi). Se una volta i finanzieri controllavano un pacco a campione dopo che il “servizio” è stato preso dalla Poste aprono tutto con tempi biblici per la consegna (pare anzi che Luke sia stato “fortunato”, in rete si leggono consegne di pacchi “celeri” a 2 e 3 mesi…)».

La morale della “favola” è: gli uffici consolari giapponesi funzionano, le poste giapponesi funzionano, gli aerei giapponesi funzionano. Appena una cosa sbarca da noi inizia l’incubo. E la cosa peggiore è che si è del tutto impotenti perché si ha di fronte un sistema incomprensibilmente farraginoso nei confronti del quale non si riesce (e non si può) fare nulla. E se tutto questo va a mettere in pericolo opportunità che capitano una volta nella vita allora immaginate come ci si possa sentire…

  • Segnalo
  • OkNotizie
  • del.icio.us
  • digg



Articoli correlati

Tokyo Baby Cafè: un bar dedicato ai più piccoli (25 Novembre 2013)
Monte Fuji in Giappone: pericolo per il nuovo Patrimonio dell’Umanità Unesco? (13 Settembre 2013)
Etna e Ville Medicee entrano nella lista dei Patrimoni Umanità UNESCO (24 Giugno 2013)
Svegliare un viaggiatore all’alba: ecco perchè (16 Aprile 2013)
Musei più strani del mondo: dal Giappone alla Cornovaglia le esposizioni più curiose (12 Aprile 2013)


Scrivi un commento

Nome (opzionale)

E-mail (opzionale, non verrà pubblicata)

Tuo sito web (opzionale)

Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine

Scrivi il tuo commento

Nota sui commenti: i messaggi ritenuti offensivi e/o comunque non idonei potranno essere cancellati senza preavviso.

Cerca nelle notizie e idee viaggi:

Iscriviti alla newsletter di Voiaganto e ricevi tutte le notizie di viaggi sulla tua email.


Feed RSS
Feed per categoria

Turismo in...

Turismo a...

Turismo per...

Mappe turistiche

Previsioni Meteo

Tag

  • Tag di Voiaganto

Fotogallery

Siti Utili